Paul is good!

pubblicato in: The Giants 0

Questo titolo ricalca uno dei brani al momento più desiderati e acclamati dai sempre più numerosi appassionati di Country Music: si tratta di “God Is Good”.
Perché Paul is Good? Perché questo cantante e compositore del Mississippi nel corso di una prestigiosa carriera ha saputo, e sa, ricalcare al meglio l’animo artistico degli Stati del Sud statunitense, ricco di poesia, talvolta di nostalgia, di bellezza e anche di spiritualità.

La sua iniziale esperienza musicale a Nashville (Tennessee) all’inizio degli Anni Ottanta, gli fece comprendere i valori intrinseci delle sette note in funzione del mondo western, tanto che in seguito scrisse musiche talmente coinvolgenti da interessare, e spesso coinvolgere molti fra i grandi. Basti citarne alcuni: Randy Travis, Tanya Tucker, Kenny Chesney, Brad Paisley, Carrie Underwood, Travis Tritt, e via di questo passo.

In totale Paul Overstreet ha registrato decine di album e inciso una ventina di singoli nelle classifiche nazionali di Billboard.
Nel corso della carriera, ha vinto due Grammy Awards in funzione dei brani ‘Forever And Ever Amen’ e ‘Love Can Build A Bridge’.


Il suo credo artistico, influenzato da uno spirito religioso espresso in diverse composizioni, è più che mai presente anche oggi, pur non essendo più ‘un ragazzino’.
Voce calda, delicata e suadente la sua, accompagnata da una strumentazione che non si fa certo contaminare da sonorità che nulla hanno a che fare con lo spirito originario del mondo western. Queste le caratteristiche specifiche del grande Paul.

Al di là delle parole, è il caso di ascoltare alcuni dei suoi pezzi per vivere la bellezza e la profondità dei suoi messaggi raffinati che non a caso suscitano emozione.
Oltre al supercitato ‘Good Is Good’, sono apprezzabilissimi ‘Ball And Chain’, ‘Bad On The Beach’, ‘Makes Me Want a Beach’, ‘One In A Million’, ‘Cabo Coma’, ‘Heroes’ ‘Toughest Battles’, ‘I Will Carry My Cross For You’, ‘That’s All I’ve Got To Say About That’ ‘Sowin’ Love’, ‘Seeing My Father In Me’, ‘She Looks So Good In Black’ e ‘When You Say Nothing At All’.

Buon ascolto.

 

Il Texano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *